Chiodi di garofano - sana delizia speziata

lunedì, 04 dicembre 2017

Chiodi di garofano - sana delizia speziata

I chiodi di garofano non servono solo a rendere speciali molte pietanze, ma hanno anche dei risvolti positivi sul nostro benessere. Noi ti spieghiamo come.

Il nome

I chiodi di garofano non hanno nulla a che fare con i garofani: sono chiamati così perché assomigliano proprio a piccoli chiodi.

Origine

I chiodi di garofano sono originari delle isole delle spezie nell'est dell'Indonesia, in quanto queste piante hanno bisogno di un clima tropicale. In Cina, questa spezia viene utilizzata da migliaia di anni, mentre sono giunte in Europa più tardi, probabilmente attraverso la Via della Seta.

Fino al XVII secolo, i portoghesi e gli olandesi avevano il monopolio sul commercio di chiodi di garofano, ricavandone buoni profitti. Successivamente, questa pianta è stata esportata per la coltivazione in altri paesi. Oggi la troviamo in numerosi paesi del sud-est asiatico, nell'India occidentale e in Africa.

Coltivazione

La coltivazione e la raccolta dei chiodi di garofano è estremamente complessa. La raccolta, infatti, può avvenire infatti solo al sesto anno di vita dell'albero, ma anche in questo caso il raccolto non è copioso. Finché l'albero non raggiunge i 25 anni di vita, è possibile raccogliere solamente dai due ai quattro chili di chiodi di garofano per ogni albero.

La raccolta avviene ancora manualmente non appena i germogli degli alberi si tingono di rosso chiaro. Dopodiché, i chiodi devono essere liberati del gambo ed essiccati, perdendo tre quarti del loro peso.

Aroma e l'uso

L'aroma piccante e intenso dei chiodi di garofano dona quel qualcosa in più a molti piatti. Si presta ottimamente sia a piatti di carne che di pesce, ma anche per molte specialità a base di selvaggina. I chiodi di garofano macinati danno a dolci e a specialità natalizie un gusto inimitabile.

Suggerimento: per insaporire le pietanze alla perfezione, inserire i chiodi di garofano in una cipolla, facendo cuocere il tutto insieme. Al termine della cottura, togliere la cipolla con i chiodi di garofano.

Proprietà benefiche

Ma i chiodi di garofano non trovano impiego esclusivo come spezia: infatti, sono utilizzati anche in naturopatia, per esempio per il mal di denti, posizionandone uno sul dente dolorante e masticandolo. Così facendo, pare che allevi il dolore. Inoltre, hanno un effetto positivo anche in caso di infiammazioni alla bocca, gonfiori e diarrea.

Come riconoscerne la qualità?

I chiodi di garofano di alta qualità si riconoscono al tatto e facendo una prova nell'acqua: sono buoni se hanno una consistenza un po' oleosa. Per averne conferma, basta inserirli in un bicchiere d'acqua: se la testina è rivolta verso l'alto, la qualità è al top, se invece sono rivolti dall'altra parte, hanno perso molto peso e aroma.

Su Piccantino è possibile trovare chiodi di garofano della migliore qualità biologica di diversi produttori e da diversi paesi, a prova di "nuoto" - scoprili ora.